Guido Donegani - "Insegnare il Novecento"

"Insegnare il Novecento"

A differenza di quanto si possa immaginare quello della letteratura non è un insegnamento statico, ma decisamente dinamico. Con il passare degli anni cambiano le esigenze degli studenti, gli strumenti a loro disposizione ed a disposizione degli insegnati sempre alla prese con didattiche innovative. Si aggiungono sempre nuovi autori perché non si può pensare che quelli contemporanei siano da meno dei loro predecessori. Insomma così come accade per le materie scientifiche anche la letteratura che si insegna a scuola ha bisogno di innovarsi e di rivedere quelli che sono i cardini che l’hanno disciplinata negli ultimi anni. Di tutto questo si è discusso nel seminario che si è tenuto nell’Aula Magna dell’istituto tecnico industriale statale Guido Donegani di Crotone che si è tenuto nel pomeriggio di venerdì dieci marzo. Incontro a dir poco partecipato infatti vi hanno preso parte insegnati provenienti da ogni scuola (anche da quelle dove il novecento non si insegna), ma anche provenienti da altre province. Hanno partecipato docenti di altre discipline anche non umanistiche. Ad organizzare l’evento “Insegnare il Novecento. Prospettive e proposte per una didattica della letteratura contemporanea nella scuola delle competenze” è stata la professoressa del Donegani Giuseppina Chiodo ed hanno relazionato Roberto Carnero insegnate di Letteratura Italiana sia nella scuola secondaria di secondo grado che universitario all’ateneo di Milano e Giuseppe Iannacconi anche lui insegnate di Letteratura Italiana presso le scuole superiori e a Roma sia alla Sapienza che a Roma Tre.

C’è bisogno di svecchiare l’insegnamento della letteratura e riuscire a far conoscere anche autori contemporanei ed evitare di arrivare nelle settimane conclusive dell’anno scolastico con l’acqua alla gola e fermarsi al periodo compreso fra le due guerre come accade di solito.

Che fare quindi per riuscire a dare la giusta importanza anche agli autori contemporanei e soprattutto suscitare l’interesse degli studenti? Anzitutto snellire e ridurre senza tralasciare nulla di importante e soprattutto raccontare gli aneddoti di vita vissuta degli autori, umanizzandoli, facendoli scendere dal piedistallo e riportarli alla condizione di uomini tra gli uomini perché alla fine questo sono stati e questo sono. Per riuscirci è anche necessario anticipare e dare le prime nozioni di letteratura già nel biennio senza pensare al biennio ed al triennio come due compartimenti stagni ben separati.

Il sentirsi paralare fra pari, il vivere e condividere gli stessi problemi, le stesse speranze è stato molto apprezzato dall’uditorio che si è ritrovato con le esperienze riportate dai due relatori.

 Chiodo%20Carnero%20Iannacconi.jpg

 

Chiodo, Carnero, Iannacconi

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn