Guido Donegani - “IO SONO MALALA” UN INVITO ALLA RIFLESSIONE

“IO SONO MALALA” UN INVITO ALLA RIFLESSIONE

Conoscere alcune realtà distanti in maniera alternativa e costruttiva. È stato questo lo scopo, pienamente raggiunto, dello spettacolo “Io sono Malala” messo in scena dalla compagnia Teatro Palkoscenico. Nella mattinata di giovedì 9 febbraio gli alunni delle classi seconde si sono recati al teatro Apollo per assistere allo spettacolo. Ancora una volta la sensibilità che l’istituzione scolastica ha dimostrato, verso temi che vanno oltre l’aspetto didattico e nozionistico, ha colto nel segno. Lo spettacolo è stato molto apprezzato dagli studenti che vi hanno partecipato, ma più di ogni altra cosa è stato perfettamente colto il messaggio lanciato dal palcoscenico. Quasi tutti gli studenti hanno riflettuto ed apprezzato la propria condizione di vita dopo essere venuti a conoscenza di come si vive in alcuni Stati dove la libertà di scelta e di parola non è così scontata come si crede. Se tutto ciò è stato possibile, se il messaggio è arrivato ed è stato percepito pienamente è anche grazie al prezioso lavoro di preparazione svolto dalla professoressa Tiziana Morrone. Nei giorni che hanno preceduto l’incontro l’insegnate ha incontrato gli studenti che poi hanno assistito allo spettacolo ed ha fatto un cenno sulla storia della protagonista, l’ha contestualizzata. Ha spiegato agli studenti come si vive in Pakistan e cosa ha spinto Malala ad assumere suo malgrado il ruolo di eroina.

Un’uscita didattica molto positiva che ha pienamente raggiunto il suo scopo, dare agli studenti dell’istituto la possibilità di apprendere ed accrescere il proprio bagaglio culturale in maniera diversa.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn